Pubblicità

Il Nuovo Comitato Il Nobel per i disabili aderisce allo Sciopero delle Donne

Dimensione testo:

25 novembre 2013 Sciopero delle donne

Anche il Nuovo Comitato Il Nobel per i disabili Onlus aderisce allo Sciopero delle donne del 25 novembre 2013 per fermare la cultura della violenza.
Ad Alcatraz appenderemo un lenzuolo e pezzi di stoffa rossi e faremo anche 15 minuti di frastornante silenzio per non far cadere l’attenzione sul femminicidio.
Riportiamo dal sito http://scioperodonne.wordpress.com: “Una donna uccisa ogni due giorni non è una questione di ordine pubblico, ma una ferita aperta nella società civile. Lucia, Antonella, Maria Grazia, tanto per citare le ultime della lista, sono state ammazzate dall’ex fidanzato, dal marito e dal compagno nei giorni successivi al decreto varato dal governo il 9 agosto scorso. La prova che misure soltanto repressive non sono la soluzione del problema perché il femminicidio non ha natura emergenziale ma sistemica. Per questo occorrono, e con urgenza, iniziative di sensibilizzazione e prevenzione, finanziamenti ai centri antiviolenza, campagne istituzionali e mediatiche che mettano al bando ogni giustificazione e sottovalutazione del fenomeno. E che, soprattutto, favoriscano la percezione delle donne non come vittime e soggetti deboli bisognosi di tutele, ma persone a tutto tondo da sostenere contro antiche imposizioni patriarcali, in grado di autodeterminarsi e scegliere liberamente il proprio modo di vivere.
Per questo rilanciamo con ancora più fermezza l’appello allo “Sciopero” delle donne per il 25 novembre prossimo, convinte che solo un’azione forte possa indurre il nostro Paese a una riflessione seria sulle relazioni tra i generi, sul potere e le sue dinamiche di sopraffazione.”


Luca Faccio: Papa Francesco, ci insegni a parlare di disabilità

Dimensione testo:

Luca FaccioGentilissimo Papa Francesco,

Sono Luca Faccio da Bassano del Grappa (Vicenza). Le scrivo per chiederle se per cortesia può spiegare in modo semplice che le persone con disabilità non sono degli appestati da allontanare, ma anzi sono individui con delle capacita da valorizzare e da potenziare al massimo attraverso l’aiuto della famiglia, dalle istituzioni e da gli enti preposti, non crede?

Sono rimasto senza parole quando nei giorni scorsi ho letto la notizia che ad Ischia, in un asilo gestito da delle suore mentre si ospitava una manifestazione a favore dei disabili, fosse stato affisso un cartello con scritto” “La scuola è chiusa per tutti, perché c’è la giornata per i disabili. Sono molto malati… quindi i bambini si impressionano…”.

Le posso assicurare che avendo la Tetraparesi spastica ed utilizzando per spostarmi la carrozzina sia elettrica che manuale, quando mi muovo per la mia città e non solo, incontro molti bambini di età diverse accompagnati dai loro genitori che mi chiedono: “ma perché non cammini?” E rispondo che ho male alle gambe o altre risposte secondo quello che mi nasce dal cuore osservandoli, tutto questo mentre i genitori o l’adulto che è con loro vorrebbe sparire dalla faccia della terra per imbarazzo, o addirittura mi è capitato che l’adulto in questione trascinasse letteralmente via il bambino con violenza inaccettabile.

CONTINUA A LEGGERE SUL FATTO QUOTIDIANO


Laura e Franco: la vera AUTONOMIA, il nostro sogno

Dimensione testo:

Laura e Franco: la vera AUTONOMIA, il nostro sognoSiamo Laura e Franco e viviamo a Fiano (To).Franco è un ragazzo che è rimasto in carrozzina dopo un incidente automobilistico nel 2008.
Ha subito una lesione midollare che lo ha reso tetraplegico: pur avendo recuperato alcuni movimenti, la sua vita sarà per sempre su una sedia a rotelle e con un uso limitato delle mani, che non gli permette, tra l’altro, di spingersi da solo sulla sedia se non per pochi metri e a costo di molta fatica.
Con tanta volontà e con la nostra voglia di vivere abbiamo comunque accettato questa condizione e riorganizzata la nostra vita per provare a tornare ad una situazione di quasi normalità. Naturalmente abbiamo adattato drasticamente le nostre vecchie abitudini a questa nuova situazione.
Abbiamo un grande desiderio: di poter rendere più normale possibile la vita di mio marito; siamo venuti a conoscenza di una nuova tecnologia nel campo della disabilita' che ci cambierebbe totalmente la vita dandogli la possibilità’ di essere autonomo e indipendente.
E’ la Genny Mobility, un’innovazione assoluta nel mondo della disabilità, che da’ l’opportunità di poter andare ovunque, su strada, su spiaggia, su strade disconnesse, su ripide salite, e il tutto in completa autonomia.
Questa sedia ha però un costo di € 15.900, che per noi è una montagna insormontabile in questo momento.

CONTINUA A LEGGERE CLICCA QUI

PER PARTECIPARE ALLA RACCOLTA FONDI CLICCA QUI


Aiutiamo il Tappeto di Iqbal

Dimensione testo:

Il Tappeto di Iqbal

Abbiamo conosciuto Giovanni Savino e i ragazzi del Tappeto di Iqbal qualche mese fa ad Alcatraz. L'associazione, che opera nel quartiere Barra di Napoli togliendo i ragazzi dalle mani della criminalità e insegnando loro l'arte circense e teatrale, non ha più un posto dove svolgere le proprie attività. Da metà ottobre inizieranno una tournée in tutta Italia per finanziare l'acquisto di un tendone che diventerà il primo circo antimafia d'Italia.
Se avete un luogo dove ospitare uno spettacolo contattateli. Oppure seguiteli tramite la loro pagina Facebook https://www.facebook.com/iltappetodiiqbal .
Se potete fate una donazione! Qui per maggiori informazioni http://www.iltappetodiiqbal.it/

Vedi anche Un ragazzo di 12 anni in un'officina di Napoli


Gary Pickering, l'ex senzatetto che regala alloggi portatili

Dimensione testo:

Gary Pickering survival pods73enne di Salt Lake City, nello Utah, ha avuto una vita difficile: negli anni 80, a causa di un divorzio, si ritrova senza casa e per anni vive nella sua officina/carrozzeria conoscendo altri senzatetto, alcuni dei quali dormono proprio davanti alla sua azienda.
Nel 2009 l'idea: costruire mini alloggi trasportabili (survival pods) che potessero offrire agli homeless un riparo asciutto, caldo e confortevole.
Le micro-case sono larghe 1,2 metri, lunghe 2, sono realizzate in legno con il tetto in plastica ondulata. Sono dotate di un sacco a pelo, una lampada, prese d'aria e addirittura una piccola toilette. Ogni survival podi costa 500 euro e Gary Pickering li regala direttamente ai senzatetto o ad associazioni benefiche.
“Non lo faccio come business e non voglio farlo”, ha dichiarato, “voglio solo ispirare altre persone a fare la stessa cosa”.
(Fonte: Buonenotizie.it)


In Spagna la prima consigliera comunale con la Sindrome di Down.

Dimensione testo:

Ángela BachillerNon era mai accaduto. Per la prima volta nel consiglio comunale di Valladolid, Spagna, siede una donna con la Sindrome di Down, Ángela Bachiller, responsabile del Dipartimento di Social Welfare.
Laureata e già assistente amministrativa nello stesso ufficio, sostituisce un collega dimissionario.
(Fonte: Corriere.it)


Le notizie di People For Planet

Alcatraz Channel

Tutti i video della Libera Università di Alcatraz

5x1000 al Comitato

Dona il tuo 5x1000 al Nuovo Comitato Il Nobel per i Disabili Onlus e ci aiuterai a finanziare le nostre attività.
Qui tutte le istruzioni. Grazie!!!

Fai una donazione!

ATTENZIONE: SE FAI UNA DONAZIONE DI ALMENO 500 EURO TI REGALIAMO 5 STAMPE D'ARTE DI DARIO FO. UNA SARA' FIRMATA IN ORIGINALE DALL'AUTORE!!!

PAYPAL/CARTA DI CREDITO:

BONIFICO BANCARIO intestato a Nuovo Comitato il Nobel per i Disabili Onlus
BANCA POPOLARE ETICA Iban IT15L0501803000000000137020
Codice Bic CCRTIT2T84A

VAGLIA POSTALE: Beneficiario Nuovo Comitato il Nobel per i Disabili
Indirizzo Località Santa Cristina, 53 - 06024 Gubbio (Perugia)

Networketico.it

Networketico.it
Iscriviti a Networketico.it, il database delle associazioni di solidarietà e del volontariato in Italia

Tutto il teatro di Dario Fo e Franca Rame in dvd

Associazioni con cui collaboriamo

Il Tappeto di Iqbal, Napoli, quartiere Barra

Napoli, quartiere Barra

Associazione Fuori dall'ombra Perugia

Ass. Fuori dall'ombra Perugia

Libera Università di Alcatraz

Libera Università di Alcatraz